PER IL NUOVO BLOG, per chi vuole, CLICCARE QUI

lunedì 1 ottobre 2007

LE "OVAIE"......DEL BLOGGER


Più "navighi" in rete, più leggi altri blog più ti accorgi :
1) che molti giovani blogger possiedono una vera "cultura moderna", ovvero una superba conoscenza dei mezzi informatici e del loro uso
2) che esiste un linguaggio formale, informale, ibero, superlibero, anarchico, senza vergogna, predicatore, volgare, giornalistico, romantico.
Ognuno, giustamente, sceglie il suo e magari ogni tanto lo varia per puro svago, per puro divertimento.
Sabato scorso mi imbatto in un post pubblicato su un quotato blog nel quale, citando una blogger, l'autore ne anticipa il nick scrivendo: "le ovaie di....".
Mi son chiesto che linguaggio sta usando questo blogger e soprattutto mi chiedo non sarebbe meglio se invece delle ovaie della blogger pensasse ai suoi di neuroni??

4 commenti:

Giovanna Alborino ha detto...

forse i suoi neuroni sono gia' bruciati..

catepol ha detto...

ciao
se fosse stato qualcun altro a scriverlo mi sarei incazzata e non hai idea quanto dal momento che sono la proprietaria di quel blog, di quelle ovaie e di questi neuroni...

ma quando conosci da tempo il blogger in questione e quando il suo post segue il filo di discussioni in cui per molti essere al top delle classifiche dei blogger è motivo di vita o di morte...

una sana ironia anche se ci va giù pesante...ben venga come provocazione...

PS sarò l'unica blogger girl che non ha mai scritto nulla del ciclo eh...che si sappia

luigibio ha detto...

nel mare magnum della blogosfera si trova effettivamente di tutto, dagli elementi più formali a quelli oltre ogni limite di decenza.
la cosa positiva è comunque la libertà di espressione che consente questo mezzo e la possibilità di aggregazione.. poi... similis cum similibus.
saluti luigibio

Romano ha detto...

@ giovanna alborino: grazie per la tua presenza continua e la..tua pazienza;

@ catepol: bé, non ti sfugge niente!!, comunque concordo sull'ironia alla fin dei conti;

@ luigibio: similis cum similibus: TROPPO FORTE, adesso ti "visito"

Ciao a tutti