PER IL NUOVO BLOG, per chi vuole, CLICCARE QUI

mercoledì 9 gennaio 2008

IL SEQUESTRO MORO, UN "CASO" INTERNAZIONALE?

Ricordo bene quel giorno e come non potrei. 

Era il 9 maggio del 1978, avevo diciassette anni e frequentavo il Liceo Classico "Galluppi" di Catanzaro.

 Rammento di una ragazza, conosciuta come schierata con la sinistra della politica italiana che, parlando animatamente con una sua amica, le diceva: "Non si fa così la rivoluzione"

Non si fa così la rivoluzione...Ma cosa era successo in quel giorno di maggio in cui l'aria era così gradevole e bella era la vita come la può essere solo quando sei così giovane e pieno di vigore?

Ebbene, dopo un sequestro durato 55 giorni, fu ritrovato in una macchina, una Renault 4 rossa, in via Caetani, nella città di Roma il corpo senza vita dello statista Aldo Moro

La notizia, naturalmente, non poteva non sortire delle conseguenze ed io, insieme ad altri studenti, mi ritrovai in un' assemblea rapidamente organizzata all'interno del Liceo. 

 Fu il professore di italiano della mia classe (la sezione F) Antonio Ameduri (una di quelle persone che se la Vita ti permettesse di ritornare indietro frequenteresti con assiduità e gli staresti accanto per apprendere ancor di più, nda). 

Dopo il suo intervento il prof rimase un altro po' per poi andarsene e sinceramente non ricordo più nulla di quell'assemblea  che credo sia proseguita per poco tempo.
Erano gli anni di piombo quelli.

 Anni in cui, sia nelle grandi città italiane come Roma e Milano che in quelle provinciali, lo scontro fisico tra fascisti e i comunisti era usuale. 

Si distinguevano, loro, anche per il loro abbigliamento, per il loro look

Capelli cortissimi, con basette super corte i fascisti, capelli lunghi ed eskimo i comunisti.

Una violenza senza un perché (e poi la violenza può mai avere una ragione?). 

A tal proposito ricordo di aver sentito , in un processo trasmesso dalla televisione, dire da Valerio Fioravanti che lui e i suoi compagni  "..iniziarono con i pugni, dai pugni passarono ai bastoni, dai bastoni ai coltelli e dai coltelli alle pistole...." e il tutto, a suo dire, iniziò senza una vero perché.

Certo, sia nell'una che nell'altra parte si trovavano gli "intellettuali",  coloro che in un certo qual modo credevano in una certa "ideologia" che poi, come ha dimostrato la Storia, fu fallimentare.


Un popolo non cresce con il sangue, attraverso la ..."lotta armata", attraverso ogni forma di violenza.

"Non si fa così la rivoluzione...": è proprio vero.




Mi piacerebbe, tra l'altro, pensare che non vivo ed ho vissuto in un Paese strano,  pieno di misteri, i cosiddetti  misteri italiani. Non mi  piace pensare che dietro le grandi stragi, i grandi delitti commessi in Italia ci sia sempre stato un intreccio oscuro fatto da servizi segreti deviati, politici corrotti, appoggio di parte di criminalità organizzata (mafia).

Però, rimanendo sul sequestro Moro, quest'ultimo, di "anomalie", ne ha certamente avute.

A partire dal suo tragico inizio.

"L'auto che trasportava Moro da casa alla Camera dei Deputati fu intercettata in via Mario Fani da un "gruppo di fuoco" delle Brigate Rosse che in poco istanti portò a termine una delle più feroci azioni terroristiche che si ricordano nella storia italiana contemporanea (vedi la foto sopra). In una manciata di secondi , sparando con armi automatiche, i terroristi massacrano i due carabinieri a bordo dell'auto di Moro e i tre poliziotti dell'auto di scorta e sequestrano il presidente della Democrazia Cristiana". fonte Wikipedia.

Molti sostengono che un'azione così, di tipo militare, non era alla portata nemmeno dei brigatisti.
Ma molti non sanno che il 5 settembre del 1977 a Colonia (Germania) fu sequestrato Hanns-Martin Schleyer (vedi foto) dai militanti della Raf

"Terminata la riunione dell'Associazione industriale tedesca, a Colonia, Hanns-Martin Schleyer torna a casa nel quartiere Braunsfeld  Alla guida della sua Mercedes 450 c'é il suo autista. Al seguito un auto di scorta con a bordo gli agenti di polizia. Dopo una curva l'auto è costretta a frenare. Di traverso sulla strada vi sono una Mercedes gialla e una carrozzina per bambini. Mentre le auto sono bloccate cinque persone armate accorrono sparando, uccidendo l'autista e i tre agenti della scorta. Uno dei cinque preleva Schleyer che viene così sequestrato".
La foto relativa al sequestro, eccola
Noti delle strane analogie con il sequestro Moro? In effetti ci sono. Sarà un caso o no, non sappiamo.

E sai dove fu trovato il cadavere (si perché fu ucciso Schleyer il 19 ottobre del 1977)?

Fu ritrovato all'interno di un'Audi, una macchina quindi, proprio come Moro.

Durante il sequestro Moro, parte del mondo politico italiano fu contrario ad ogni trattativa con le BR. Un'altra parte (minoritaria) invece, tra cui Bettino Craxi,
sì.

Una cosa è certa, che sia all'inizio che durante (vedi la "polemica" sull'appartamento in cui Moro fu tenuto prigioniero e che alcuni ritengono essere un luogo all'epoca dei fatti conosciuto da alcuni, nda) che dopo, del sequestro Moro e del suo tragico epilogo molto non sappiamo.

Il delitto di Aldo Moro a tanti anni di distanza, da una bella giornata (come clima e mia personale età) ad oggi rappresenta ancora un caso irrisolto, un "caso" forse anche con "intrecci internazionali".

Chissà cosa mi direbbe oggi il mio professore di italiano se fosse vivo.

Chissà...

7 commenti:

LauBel ha detto...

accipicchia che "bel" resoconto...
io quel giorno del '78 ero un po' più piccina di te ma lo ricordo con i brividi... nella mia zona (vicino al centro di roma, dove vivo) avevano bruciato una macchina parcheggiata, c'era la polizia e c'erano i vigili del fuoco e mia madre, che mi stava portando a scuola, mi tirava il braccio e mi faceva correre, impaurita.
quella è la sensazione che ricordo, i motivi li ho capiti da adulta; allora era solo un "brivido"....

mario ha detto...

scusami dopo verrò a leggere subito il tuo post...
vado a linkarti

chit ha detto...

Diciamo che l'Italia più che il Paese dei misteri, peggio ancora è il Paese delle mille verità.
Per ogni strage o avvenimento la gente viene rincoglionita di notizie finchè cala il silenzio ed ognuno si mette in tasca la propria verità, quella che più gli si addice e se ne convince.
Di questo, come di molti altre stragi la verità la potremo sempre e solo immaginare ma difficilmente leggere.
rimane, quella si, la perdita vigliacca di una persona che stava lavorando sicuramente per una stagione politica diversa.

SERENdipity ha detto...

Sono d'accordo con te.
Io ti consiglio un libro che parla di quel periodo :

IL FASCIOCOMUNISTA
di Antonio Pennacchi

Pino Amoruso ha detto...

Nel 1978 avevo 9 anni; ricordo i miei genitori seguire con attenzione tutta la vicenda. Ricordo un Italia commossa; era opinione comune ritenere Aldo Moro una persona perbene. Non so se oggi la scena politica italiana possa vantare un personaggio con la stessa moralità di Moro. Credo che non sapremo mai la verità. Complimentissimi per il post; non mi sono proprio sbagliato nel nominarti...:-))

Giovanna Alborino ha detto...

io ho seguito questa storia solo dal film essendo nata l'80

l'Italia per i grandi, non ha fatto mai un granche'..

buona giornata

Romano ha detto...

@ LauBel
Certi ricordi non si cancellano..

@Chit
hai ragione

@Serendipity
Grazie per il consiglio

@Pino
Troppo buono ...Grazie

@Giovanna
Giustissimo quello che dici. Ciao