PER IL NUOVO BLOG, per chi vuole, CLICCARE QUI

giovedì 9 luglio 2009

CAOS ITALIANO

Ieri sera vedo il telegiornale che elogia Berlusconi anzi anche Obama lo fa e vengano mandate in onda le immagini delle figlie del presidente americano che gustano un buon gelato nella splendida città di Roma e noi ne siamo certi (anche gli americani nel loro intimo lo sanno) che poche città al mondo possono vantare le bellezze artistiche e la storia di questa nostra città. Insomma, anche noi italiani siamo bravi in qualcosina. Subito dopo aver ascoltato qualche tg clicco sul sito di 'La Repubblica' e i primi link del giornale on line confermano le opinioni dei vari telegiornali ma ecco... lo sapevo, non si può mai vivere in pace. Infatti la notizia è anche questa: Berlusconi è un mafioso! Tra le carte di Vito Ciancimino (che non era un santo) è stata trovata una lettera che documenta i rapporti tra il Berlusca e Cosa Nostra. Però, penso io, la solita schizofrenia italiana. Viene infatti rappresentato nei telegiornali un capo del governo in gamba ma contestualmente sull' Espresso è mafioso. Vabbé, mica ci illudevamo che una momentanea passerella internazionale o una gita di qualche illustre giovane americana avesse risolto i nostri problemi. Però dai....che schifo, che ambaradan ! Ed oggi? Stamattina? Il solito. Stavolta il sito del 'Corriere della Sera'. I primi link confermano l'aria di collaborazione, amichevole dei grandi della terra, tutto sta procedendo bene durante questo questo G8 italiano. Ma ecco, ci risiamo naturalmente. Gian Antonio Stella scrive un pezzo nel quale racconta che nei kit dati ai giornalisti americani mentre per tutti gli altri leader vengono redatte pagine di biografia, sempre benevola, a Berlusconi sono dedicate solo sette righe. Ricorda Stella quando al G8 di Hokkaido, in Giappone, fu distribuito il solito kit a cura dell'ufficio stampa della Casa Bianca (allora era presidente Bush figlio) e quello dedicato al nostro capo del governo, sempre il Berlusca, era come minimo offensivo. Poi ci furono le scuse americane e tutto finì in pace. Conclude Stella, ritornando ai giorni nostri, che essere famosi non può essere una scusante per scrivere così poco di un leader, il nostro appunto. Anche il Papa (e dico papa e non papi, sapete di questi tempi.....), dice Stella, è famoso. Eppure a lui vengono dedicate ben quattro pagine di illustre biografia. Ma a me questa sorta di schizofrenia politico-mediatica personalmente ha stufato. Non è altro che una lotta tra poteri, gli uni contro gli altri, e tutto a discapito dei veri problemi dei cittadini italiani. Una vecchia pubblicità diceva "sono fatti miei". A me sembra che si possa dire, riguardo queste guerre tra clan, che "sono fatti loro". Un vero dramma, una vera vergogna. E poi che diamine, non solo schizofrenici (e chiedo scusa agli schizofrenici) ma anche privi di memoria questi italiani (lasciando perdere gli stranieri). Dico io, Stella! Almeno lei che è un'abile giornalista, aggiunga alla santa biografia del Papa anche questo, quando aveva la mano, anzi il braccio teso. I panni sporchi o li laviamo tutti (rigorosamente in pubblico) o niente. O sono solo fatti vostri? - http://espresso.repubblica.it/dettaglio/silvio-e-la-mafia:-la-lettera/2103848&ref=hpsp
- http://www.corriere.it/politica/09_luglio_09/stella_righe_e3576fda-6c47-11de-864b-00144f02aabc.shtml

9 commenti:

Pino Amoruso ha detto...

Non so se la notizia su Berlusconi è vera, ma permettimi di dubitare sulla persona di Berlusconi quando difende a spada tratta Mangano e Dell'Utri (quest'ultimo parlamentare PdL). Io non sono di quelli che vuole le dimissioni di Brerlusconi per fargovernare il centro-sinistra. Ritengo che debba dimettersi e far giovernare qualcunaltro del centro-destra ( Fini ad esempio ). Poi gli italiani giudicheranno a fine mandato.
Tuttavia ho seri dubbi sulla condotta democratica del nostro Governo; le leggi si approvano discutendo in Parlamento anche con l'opposizione, e non a colpi di fiducie e decreti. Agli italiani sta bene così, a me no!!!
Un caro saluto ;)

Romano ha detto...

Caro Pino,

sono totalmente d'accordo con te! Figurati se sono per Berlusconi...

Sono sicuro, però, che tutta la classe politica italiana pensa ai fatti propri e non agli interessi reali del popolo. Poi ci sono le eccezioni e meno male.

Non è un caso, credo, che le stesse indagini (poi stroncate)che stava conducendo De Magistris avevano individuato comportamenti molto probabilmente criminali di esponenti di centro, destra, sinistra e via dicendo e di stessi magistrati. Insomma è tutto un sistema dove 'CANE NON MANGIA CANE'. Per questo lo stesso comportamento di alcuni giornalisti, come Stella, mi lascia perplesso perché non è obiettivo. Il problema è etico. I politici, i giornalisti, tutti coloro che hanno potere dovrebbero recuperare il senso dell'etica professionale che dovrebbe essere indipendente e a servizio degli altri. Lo stesso Fini sta reggendo per miracolo. Nell'ambito dello stesso suo ex partito ci sarebbero molti che lo farebbero fuori politicamente. Cambiare è difficile, soprattutto per il bene del prossimo. Spero di essermi spiegato meglio di quanto forse non ho fatto nel post.

Un affettuoso saluto e grazie mille per il tuo commento!!

A presto :)

sirio ha detto...

Caro Romano, io sono convinto di una cosa: una volta che sono seduti lì,se vogliono continuare a starci devono sottostare a "regole" che noi cittadini possiamo soltanto immaginarci.
Chi parte con il piede giusto, e vuole veramente fare i nostri interessi prima o poi viene "stoppato" e ricondotto a più miti imprese.
Purtroppo la classe politica che aveva ideali forti adesso è una minoranza...!

Un caro saluto.

Romano ha detto...

@ Sirio: sono assolutamente d'accordo con te. Un caro saluto e a presto!

Ondamagis ha detto...

La classe politica pensa SOLO ai fatti PROPRI!

Ciao Pino, grazie per esser passato nel mio ultimo brevissimo post. Tornerò dopo il 22 perché sto preparando un esame e ho appena terminato (oggi) le frequenze obbligatorie in univ. Ciao e a presto.

Romano ha detto...

@ Ondamagis: In realtà non sarei Pino.....

chit ha detto...

Bravo Romano, bel post. Piccola correzione però, più che "fatti" direi che sono tutti "azzi" nostri... :-S (purtroppo)

Romano ha detto...

@ Chit: 'azzi amari.....

Un caro saluto Claudio :)

stella ha detto...

...amari veramente, caro Romano!

Bentornato tra noi...