PER IL NUOVO BLOG, per chi vuole, CLICCARE QUI

lunedì 3 agosto 2009

SFREGIO ALLA GIUSTIZIA E ALLA COSCIENZA

Solo d'estate e solo in Italia forse poteva accadere. D'estate perché è il periodo in cui tutti siamo un pò stanchi e quindi le nostre varie 'difese' sono un pò attenuate e in Italia perché l'Italia.......è l'Italia, che te lo dico a fa? Comunque la notizia è questa: Valerio Fioravanti è un uomo (?!?) L I B E R O!!!! Non so se lui ha partecipato veramente alla strage di Bologna ma basterebbe leggere il suo curriculum e le sue relative condanne per ritenere questo suo nuovo status, appunto di uomo libero con il quale potrà ottenere la patria potestà sulla figlia e il passaporto, quanto meno inadeguato ovvero un vero sfregio alla giustizia, alla memoria delle vittime e ai suoi parenti.

"CURRICULUM" di VALERIO FIORAVANTI
- ERGASTOLO per l'omicidio di Antonio Leandri (17 dicembre 1979)
- ERGASTOLO, Fioravanti UCCIDE IL POLIZIOTTO 19enne Maurizio Arnesano per impossessarsi del suo mitra (6 febbrario 1980)
- ERGASTOLO per l'omicidio del sostituto procuratore Mario Amato (23 giugno 1980)
- ERGASTOLO per l'omicidio di Francesco Mangiameli (9 settembre 1980)
- ERGASTOLO per l'omicidio di due giovani carabinieri di nome Enea Codotto e Luigi Maronese (5 febbraio 1981)
Ho omesso, appunto, l'ergastolo per la Strage alla stazione di Bologna e quello per l'omicidio di Roberto Scialabba (26 febbraio 1978) perché in quest'ultimo caso Internet non mi dà fonti e notizie certe. Per maggiori informazioni comunque cliccate su questo link http://www.superdante.it/forum/bologna-polemica/375817-curriculum-stragisti-fascisti-francesca-mambro-valerio-fioravanti.html
Concludendo: MI VERGOGNO DI VIVERE IN ITALIA!

3 commenti:

stella ha detto...

Romano e come darti torto?
Ti abbraccio

... daisy... ha detto...

in italia (si con la "i" piccola perchè si dovrebbe vergognare) ci insegnano che anche se commettiamo un crimine... alla fine se facciamo i buoni possiamo tornare liberi... tranquilli ammazzate chi volete, tanto l'ergastolo è solo "si fa per dire"... che SCHIFO... che SCHIFOSISSIMO SCHIFO!

sirio ha detto...

Ciao Romano, il problema di come viene amministrata la giustizia ce l'abbiamo sotto gli occhi (purtroppo) tutti i giorni,non posso che condividere.
Denunciare questo stato di cose è senz'altro uno dei motivi per cui ogni tanto qualche esponente del Governo cerca di tappare la bocca ai blog!!

Un caro saluto.